BASTIA 1924-MONTEROSI FC 2-3
BASTIA: 
Meniconi, Marconi, Bolletta, Menchinella, Briganti, Rondoni, Rosignoli, Taifour, Bokoko, Felici (38’st Gori), Sylla. A disp.: De Vincenzi, Boninsegni, Corriale, Belloni, Convito, Berettoni, Arshinov, Rufini. All.: Ortolani Gianpiero
MONTEROSI: Marciano, Piroli, Petti, Costantini, Mastrantonio, Esposito, Angelilli, Traore (1’st Canestrelli), Persichini, Massimo (21’st Squerzanti), Sciamanna. A disp.: De Maio, Gasperini, Angeli, Dekic, Pellacani, Marianeschi, Guidarelli. All.: D’antoni David
ARBITRO: Giuseppe Vingo di Pisa
RETI: 8° Persichini, 27° Felici Rig., 65° Taifour, 92° Costantini Rig., 95° Angelilli
NOTE – Ammoniti Marconi, Bokoko (B), Petti, Mastrantonio (M).

Vittoria da batticuore quella che il Monterosi conquista allo Stadio Carlo Degli Esposti di Bastia. I ragazzi di D’Antoni ribaltano lo svantaggio nei minuti di recupero grazie al calcio di rigore di Costantini ed alla rete di Manuel Angelilli al 94’. Senza Buono, Roberti e Simoncelli il Monterosi si presenta con Persichini al fianco di Sciamanna e Mastrantonio in cabina di regia. Si rivede al primo minuto Emiliano Massimo. La gara inizia subito bene col vantaggio realizzato da Persichini dopo appena otto minuti con un destro leggermente deviato dal difensore dei locali. Il rigore di Felici al 27’ rimette la situazione in parità. Gli ospiti hanno il pallino del gioco mentre i padroni di casa cercano di rendersi pericolosi con qualche ripartenza. Nella ripresa il cross di Taifour viene deviato in porta da Piroli per il vantaggio del Bastia. Reazione ospite con il tiro di Sciamanna su cross di Esposito. D’Antoni mette dentro anche Squerzanti per cercare di vincere la gara e ci riesce proprio nei quattro minuti di recupero. Prima il capitano Andrea Costantini trasforma un calcio di rigore ottenuto da Persichini e, quasi al gong, Angelilli trova la rete del 2-3 che regala i tre punti al Monterosi. Primato consolidato per la squadra del presidente Capponi che ora guida la classifica con tre lunghezze di vantaggio sul Grosseto.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento