Cari amici,
lo stramaledetto anticiclone africano impera sul Mediterraneo ed è tempo di comprendere che “nulla sarà più come pria”.
Arse le terre, secche le foglie,
chiedete il futuro a vostra moglie.
Eppure, in queste desolate terre i ragazzotti del 2004 alzano la terza coppa in pochi mesi, l’ennesimo trofeo in un’estenuante torneo a Vasto.
La “cantera” del Monterosi sta germogliando: se piovesse sarebbe meglio contraddicendo il famoso detto che fa riferimento a un Governo illuminato.
E poi il campionato è morto ma come la fenice rinascerà,
anche se come non si sà.
E così scioriniamo le vere “news” del mercato
che tutti attendono seduti in tondo su un bel prato.
L’unica cosa certa è che D’Antoni se n’è andato
attirato dalle sirene di un altro prato:
sarà felice? Sarà contento?
Dipenderà dal reale intento.
Per tutto il resto non so che dire
siam sempre gli stessi malgrado occulte mire.
Il Donninelli è amico mio
e gira sempre con una Clio.
Mangiamo insieme, ci rallegriamo
e tutto questo è facile non è un arcano .
Il buon Flaminio sorride sempre
e comunque la metti lui c’è sempre.
E il caro Giglietti, primo tifoso,
poche parole ma chiari intenti.
I nostri accordi son sempre uguali
e son distanti da tutti i mali.
Come vedete chiacchere zero
e per chi insiste di traverso gli vada un pero.
Manca un sol nome, l’allenatore
e lo saprete prima che fioriscan le more.
I giocatori quasi gli stessi
con nuovi virgulti in campo ben messi.
Come vedete nulla è cambiato
e se qualcuno obietta di certo è malato.
Questa è la storia seria e serena
mettiamo da parte ogni pena.

Il Presidente
Luciano Capponi

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento