Settimana di lavoro che va a concludersi quella che conduce all’importante trasferta di Anzio per il Monterosi Fc. I biancorossi cercano conferme dopo la bella prestazione di domenica scorsa contro il Lanusei. Seconda sessione di lavoro per il nuovo tecnico Carlo Perrone, abbastanza soddisfatto per le risposte ricevute dal gruppo dopo questi 15 giorni di lavoro: “La squadra si sta allenando bene con la massima disponibilità. Sono contento, il risultato di domenica ha portato quell’entusiasmo e quella consapevolezza che la squadra ha dei propri valori per tirarsi fuori il prima possibile”.
Al Bruschini l’attende un Anzio che finora ha raccolto 7 punti come il Monterosi e reduce dalla pesantissima sconfitta con la Nuorese. Perrone però vuole tenere alto il livello di attenzione, ritiene la sua squadra ancora in convalescenza: “L’Anzio è una squadra pericolosa, capace di tutto. Ha avuto alti e bassi come quasi tutte le formazioni di questo girone. Bisogna pensare di affrontare ogni partita con lo spirito giusto, l’approccio mentale è determinante per fare risultato”.
Ancora qualche assenza ma tornerà Costantini dopo il turno di squalifica. Il tecnico del Monterosi, che ha fatto svolgere qualche seduta di allenamento sull’erba di Trevignano, in questo momento non dà nessuna certezza per l’undici titolare: “La scelta di allenarsi sul campo in erba è dovuta sia al fatto che la squadra dovrà affrontare una gara su questo tipo di terreno sia perchè il sintetico alla lunga porta sempre qualche sollecitazione a determinati tipi di muscoli ed articolazioni. Non ho deciso la formazione. Darò fiducia a chi durante la settimana dimostra di meritarsi un posto da titolare. Conta quello che io vedo giorno dopo giorno”. Arbitra Luca Cherchi di Carbonia.
Gara che si disputerà a porte chiuse.
Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno ha disposto tale misura “per le azioni violente poste in essere dalla tifoseria anziate in occasione della gara Anzio-Lanusei dell’8 ottobre 2017”
Ufficio Stampa Monterosi Fc
Alessio Fratini

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento